Anelli

Anello Tamashii Originale in Argento 925‰ DVAGS ZVA Agata Verde

Scopri il significato

Guida alle taglie

Spedizione prevista tra
gio, 01.10 - mar, 06.10

TAMASHII® è un marchio registrato Aria Preziosa Srl

Codice: RHS905-12

Descrizione

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.
I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.
Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.


Anello originale Tamashii DVAGS ZVA arricchito con pietre naturali AGATA VERDE
Realizzato in Argento 925‰, e disponiibile in diverse misure, riporta il mantra “Om Mani Padme Hūm” del Buddha della compassione Cenresig, tra i più noti e diffusi mantra del Buddhismo.

Ogni anello è spedito con relativa confezione originale e certificato di garanzia.

PREMESSA SULL’ORIGINE DEL PRODOTTO
Tamashii è prodotto nell’area dell’Asia Centrale (Himalayana) secondo antiche tradizioni utilizzando prodotti, tecniche e processi controllati da Aria Preziosa.
Il marchio Tamashii è di proprietà di Aria Preziosa srl.


TUTELA DELLA SALUTE DEL CONSUMATORE

Tutti i gioielli Tamashii sono realizzati artigianalmente utilizzando pietre naturali e materiali in osservanza alle norme igienico sanitarie sulla tutela delle persone (D.Lgs. 206-6/9/2005).
I metalli utilizzati hanno un contenuto di nichel conforme alla norma EN 1811:2011.
Per prendere visione della Garanzia Legale nella sua integrità ti invitiamo a visitare la pagina web specifica.

Ogni articolo Tamashii è realizzato per durare nel tempo se vengono rispettate le indicazioni di base sull’uso e la manutenzione.

Tutti i materiali utilizzati hanno origine naturale per cui il comportamento e la durata possono essere variabili e non prevedibili, così come le sostanze chimiche possono modificarne l’aspetto estetico e la durabilità ovvero apportare variazioni di colore e di effetti di patinatura superficiale.

Alcuni tipi di pietra sono originariamente di natura opaca e vengono lucidate successivamente attraverso lavorazione meccanica. Queste nel tempo potrebbero tornare al loro aspetto originale.

Alcune pietre sono particolarmente ricche di sali minerali i quali potrebbero mutare, più o meno evidentemente, il proprio colore in base alle caratteristiche chimico-organiche dell'epidermide. 

Si consiglia di:
• evitare il contatto con make-up, creme, profumi e/o agenti chimici
• non esporre i gioielli a cloro, saponi e/o acqua salata
non indossare il gioiello Tamashii durante la doccia, in piscina o mentre vengono svolte le pulizie domestiche

Articoli della stessa collezione

Prodotti simili

Anello originale Tamashii con inciso il mantra “Om Mani Padme Hūm” del Buddha della compassione Cenresig, tra i più noti e diffusi mantra del Buddhismo. Realizzato in Argento 925‰ e disponiibile in diverse misure.

Non disponibile
Avvisami

Anello originale Tamashii con inciso il mantra “Om Mani Padme Hūm” del Buddha della compassione Cenresig, tra i più noti e diffusi mantra del Buddhismo. Realizzato in Argento 925‰ Rosè e disponiibile in diverse misure.

Anello originale Tamashii con inciso il mantra Om Mani Padme Hūm del Buddha della compassione Cenresig, tra i più noti e diffusi mantra del Buddhismo e il simbolo Vajra (fulmine). Realizzato in Argento 925‰ e disponiibile in diverse misure.

Anello originale Tamashii con incisa una serie di simboli raffiguranti la sillaba solenne e sacra Om. Realizzato in Argento 925‰ e disponiibile in diverse misure.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo PAN ZVA viene indossato dagli abati Pandita, “gli eruditi”.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo RIG ZVA viene indossato dagli allievi che hanno superato gli esami del corso del Sgrub Grva, cioè riservato agli Grub Bla Ma e agli abati (Gdan Sa).

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

In Tibet il Lamaismo si divide in diverse scuole. Tra le più caratteristiche e antiche c’è quella dei rNin ma pa, “gli antichi”, la seconda scuola.I loro monaci indossano diversi copricapi, ognuno dei quali identifica il ruolo gerarchico e spirituale all’interno della stessa scuola.Il copricapo DVAGS ZVA venne indossato da Gampopa, uno dei principali maestri della scuola Kagyu del Buddismo tibetano che, secondo la leggenda, prese forma da un paio di scarpe donategli da Mi la ras pa (Milarepa), a cui era fortemente devoto.

TAMASHII TIBET

Scopri di più sulla sua storia e le sue origini